Il Carnevale


IMG il carnevale 

La tradizione campana e irpina protagonista a Savignano Irpino.

Con il termine Carnevale si indica il periodo che va dall'Epifania, o più strettamente dalla domenica di Settuagesima, fino al Martedì Grasso (che a sua volta precede il Mercoledì delle Ceneri con cui ha inizio la Quaresima). La data del Martedì Grasso, dunque, può cadere ogni anno dai primi di Febbraio ai primi di Marzo, a seconda della data della Pasqua. Tradizionalmente, le origini delle celebrazioni carnevalesche sono da rintracciare in festività pagane in onore di Bacco e di Saturno. I Saturnali, in particolare, nella cultura romana erano festività improntate alla sfrenatezza e alla lascivia, durante le quali plebei e patrizi si mischiavano e si scambiavano i ruoli e ogni eccesso era concesso, secondo il famoso detto "Semel in anno licet insanire". In seguito, nel Medioevo, la Chiesa cercò di ricondurre queste festività nel solco della moralità cristiana: l'etimologia del nome 'Carnevale' deriverebbe dal monito religioso "Carnem levare", con cui si invita all'astensione dal consumo di carne durante il successivo periodo di Quaresima. Il Carnevale in Campania presenta molte usanze, maschere, ricette e tradizioni storiche particolari. In particolare, in provincia di Avellino, il Carnevale è un fatto prettamente culturale che si tramanda di generazione in generazione. Sono circa cento, infatti, i Carnevali Irpini, a significare che il carnevale si svolge in tutte le aree della provincia e che ogni carnevale è diverso l’uno dall’altro. Si tratta di un fenomeno culturale in quanto richiama le radici della comunità irpina di carattere agricole e silvo-pastorale che resistono alla globalizzazione. Nel carnevale rimangono i segni della processione che si svolge per invocare la benevolenza del futuro verso una entità superiore, della prosperità, del cambiamento dall’inverno alla primavera, del contrasto tra povertà e abbondanza, della rivincita dell’ultimo verso il primo, dello scongiurare il malocchio. In tutta la provincia di Avellino i Carnevali conservano spontaneità, usi e originalità tramandati nei secoli e sono molto sentiti dalle popolazioni. Resistono con facilità alle contaminazioni commerciali. Pertanto i carnevali irpini si caratterizzano per la tipicità in quanto espressione genuina del territorio e si basano su una ricca varietà e cioè sulla tarantella, sulla Zeza, sul ballo n’treccio, sul palo d’amore e sui carri allegorici. Proprio questi ultimi sono i protagonisti del Carnevale Savignanese che si caratterizza, appunto, per la presenza di diversi carri allegorici aventi tema vario. Pur non essendo ben chiara l’origine di tale tradizione, che affonda le sue radici in usanze antiche di secoli, essa deriva quasi certamente dalla similitudine di portare in processione, sia a spalla che su carretti in origine trainati da animali, le raffigurazioni dei santi come voto di devozione. Ma non solo, il periodo di Carnevale rappresenta l’unico momento in cui il popolo poteva esprimere i suoi pensieri verso potenti, regnanti, governatori e tutte quelle figure che se criticate apertamente in altri periodi dell'anno, sarebbero costati la vita. Ecco quindi la tradizione anche di rappresentazioni ironiche e apertamente in disaccordo con eventi, personaggi e situazioni politiche che si sono mantenute anche negli anni più recenti creando carri di Carnevale ad argomento politico. Punto nodale del Carnevale Savignanese è, dunque, la sfilata dei carri allegorici che si tiene, da tradizione, il pomeriggio della Domenica antecedente il Martedì Grasso. Le soste vengono animate da musica folkloristica tradizionale e spettacoli di balli popolari. La serata viene, di solito, allietata da un ulteriore spettacolo musicale, con stand espositivi di prodotti tipici e la degustazione di piatti locali. Chiude la manifestazione la premiazione dei carri vincitori. Si tratta, dunque, di una manifestazione corale, capace di coinvolgere tutto il popolo, la cui partecipazione fa sentire viva questa tradizione.

Questo sito utilizza i cookie: cliccando su OK o proseguendo nella navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie.